Agricoltura Biologica: Nuovo regolamento

Con lo slittamento dell’entrata in vigore del Regolamento UE sul biologico Reg. (UE) 2018/848 al 1/1/2022 le aziende hanno a disposizione più tempo per adeguarsi alla nuova normativa e per adattare il proprio modello produttivo.

Come è noto l’entrata in vigore del Regolamento UE sul biologico Reg. (UE) 2018/848 era fissata per il 1 Gennaio 2021, ma a causa della pandemia da Covid-19 la data è stata posticipata al 1 Gennaio 2022. Lo slittamento permette alle imprese agricole di approfondire ulteriormente la nuova normativa. Oltre a imporre nuove regole e limiti, il regolamento spinge difatti le aziende che operano nel biologico ad adottare un nuovo approccio, ripensando il proprio modello produttivo.

Frutto di un percorso avviato nel 2011 e durato ben 7 anni, il Regolamento 2018/848 introduce infatti molte novità nei settori della coltivazione e della certificazione dei prodotti biologici. Insieme ai PAC, il nuovo regolamento rientra nella strategia europea detta “Farm to Fork”. Quest’ultimo si inserisce a sua volta del più ampio “Green Deal” europeo per il contrasto al cambiamento climatico e la tutela della biodiversità.

Già il Regolamento 834/2007 considerava la produzione biologica come:

“(..) un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e una produzione confacente alle preferenze di taluni consumatori per prodotti ottenuti con sostanze e procedimenti naturali.”

Il nuovo regolamento

Il nuovo Regolamento rafforza ulteriormente l’approccio “olistico” all’agricoltura biologica.
In particolare la normativa ha come obiettivi espliciti:

  • la tutela dell’ambiente e del clima;
  • la conservazione della biodiversità;
  • il mantenimento della fertilità dei suoli;

Infine il nuovo testo non tralascia alcuni aspetti legati alla tutela dei consumatori.

Limiti e regole in Agricoltura Biologica

Per raggiungere i propri obiettivi la normativa fissa limiti e impone regole molto precise. Ad esempio è ulteriormente regolamentato l’uso di prodotti fertilizzanti e concimi per l’agricoltura biologica. Tale scelta è necessaria a causa del notevole impatto di questi prodotti sia sulla coltivazione che sulla certificazione dei prodotti biologici.

Il nuovo modello si basa su alcuni principi esplicitati nel testo definitivo, tra i quali i più importanti sono:

  • – l’impiego responsabile delle risorse energetiche e naturali (soprattutto l’acqua)
  • – la sostenibilità dei cicli di coltivazione per prevenire l’eccessivo sfruttamento e l’inquinamento del suolo e delle falde acquifere.

Il supporto della smart agriculture per il settore del biologico


La gestione responsabile delle risorse e il completo controllo sulla filiera produttiva saranno quindi sempre più importanti per le aziende agricole biologiche.
Per questo motivo gli strumenti per l’agricoltura 4.0, come ad esempio GEAPP, diventano uno strumento indispensabile a supporto dell’agricoltura biologica.

Grazie alla smart agriculture infatti è possibile:

  • – Tracciare in modo semplice ed automatizzato le filiere produttive, dalla coltivazione alla raccolta, con una semplificazione delle fasi di certificazione ed etichettatura;
  • – Gestire in modo responsabile le risorse: grazie ai sensori in campo e alla rilevazione dei dati agrometeo ambientali e satellitari le aziende possono risparmiare acqua preziosa;
  • – Ridurre l’uso di energie non rinnovabili: razionalizzando l’uso di mezzi e macchinari l’azienda ottiene un immediato risparmio energetico, riducendo il proprio impatto ambientale;
  • – Monitorare i prodotti impiegati: GEAPP rende più semplice e intuitivo il rispetto delle nuove norme grazie al calcolo automatico dei limiti, all’indicazione del tempo di rientro e al tracciamento di tutti i prodotti utilizzati in campo. 

Tutte queste caratteristiche, tipiche delle app per il precision farming, possono essere un valido aiuto per le imprese agricole biologiche nel cammino, non sempre facile, per il raggiungimento della sostenibilità ecologica ed economica.

Fino al 15-5-2021
se ti abboni per un anno il secondo anno te lo regaliamo noi!

arrow_forward Vai allo store
arrow_upward

Un’unica piattaforma in cloud digitale per programmare, tracciare e gestire tutte le attività in campo e compilare in automatico i quaderni di campagna aziendali.